Sei titoli sono tanti e superare Fangio porta Michael nella leggenda. Ha superato Prost nel numero di GP vinti, ha superato Fangio nei mondiali, adesso si sta avvicinando a Senna e al suo record di 64 Pole Position. Vista così quella della Ferrari potrebbe apparire come una cavalcata vincente, ma quest’anno il mondiale è stato veramente sudato.

Due gli elementi chiave che influenzano la stagione:

All’inizio la Ferrari e Schumacher non vanno proprio. Il tedesco è afflitto da problemi familiari (la malattia della madre) che sicuramente influiscono sul suo rendimento e la sua concentrazione. Ma proprio nel giorno della morte della madre riesce a ritrovare sé stesso vincendo la sua prima gara della stagione. Quindi torna il pilota preciso e infallibile di sempre (non può essere il Michael Schumacher che conosciamo quello che in Brasile sotto la pioggia finisce fuori strada scivolando su una pozza!).

Ma i rivali Montoya e Raikkonen sono vicini e accaniti perché la GA, cosi è stata chiamata la F2003 in ricordo di Gianni Agnlelli, non è la vettura imbattibile dell’anno passato e le gomme Bridgestone sembrano faticare parecchio nei confronti delle rivali Michelin.

Ed è proprio il pneumatico francese che durante l’estate finisce al centro delle chiacchire per una presunta irregolarità: il battistrada con l’usura si deformerebbe, aumentando la sua superficie e uscendo dai limiti previsti dal regolamento. La Michelin smentisce, ma intanto prepara nuove gomme “più strette”. Questa è secondo me la svolta! Le nuove gomme non sono veloci come le vecchie e non è una coincidenza se da questo momento in poi la Rossa torna a dominare.

A Indianapolis Schumacher realizza il capolavoro, mentre in Giappone conquista il punticino necessario per la matematicità del titolo piloti. I punti di Barrichello portano il mondiale costruttori, e devo dire che in alcune fasi della stagione il brasiliano sembra aver trovato un feeling con la GA migliore di quello di Schumacher. E infatti l’anno prossimo la Ferrari partirà subito con la macchina nuova…


0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *