Aggiornamento 2015: A 15 anni dall’apertura di questa rubrica e dopo almeno 20 di bevute al pub, è necessario un nuovo monento di riflessione. I pub cambiano, adesso proliferano le birrerie artigianali e anche i locali storici si sono dovuti adeguare. Ma soprattutto è cambiato colui che li frequenta e che vi scrive.
10 anni fa avevamo censito 31 locali: 17  resistono ancora, altri 3 hanno cambiato nome, mentre 11 sono scomparsi.

Aggiormento 2010: a 10 anni dalla prima classifica!

Aggiormento 2006: gli anni passano e le birrerie cambiano. La cerchia si restringe…

Oggi ci sono molte possibilità  per bere una buona birra a Firenze. A locali storici come il “Red Carter” e altri un po’ più recenti come il Robin Hood, negli ultimi anni si sono aggiunti, sorti come funghi, una miriade di pub e birrerie, che hanno soppiantato le caratteristiche bettole e osterie o night-clubs del centro storico.

Alcuni hanno fatto le cose per bene, offrendo un’ottima varietà e qualità di birra, altri si sono improvvisati o riciclati, affiancando a i tradizionali cocktails e long-drinks, birre non sempre di qualità accettabile.

Perciò se il mercoledì sera decidete di passarlo in un pub in compagnia di amici, non lasciate scegliere alla sorte, ma andate nel locale che più si confà alle vostre esigenze.

Ho deciso di aiutarvi, mettendo a disposizione la mia ormai decennale esperienza, e di creare una mini Guida Michelin, per orientarsi nel mondo della birra a Firenze, ora aggiornata al 2002/03 visto che stava divenendo un po’ datata e poco aggiornata.

Invece delle stelle ad ogni locale ho assegnato un certo numero di pinte (da a ), che rappresentano il mio giudizio complessivo, tenedo conto della qualità della birra, del servizio offerto e del genere di clientela che lo frequenta.

Chiunque conoscesse altre birrerie che non ho menzionato, o non concordasse con i miei giudizi, può lasciare un commento indicando il nome del locale, una breve descrizione (compresa l’ubicazione) e il suo giudizio personale.

Archea Brewery bbbb

Via de’ Serragli 44r
2015: Questa birreria artigianale che offre birre di produzione propria ha aperto da qualche anno, ma solo adesso ci siamo imbattuti in lei. Fa ruotare spesso le birre e quindi è possibile provare ogni volta qualcosa di nuovo. Oltre alle proprie birre, offre anche altre produzioni, sempre artigianali e sempre servite alla spina. Che bella sorpresa!

Bounty

Via Aretina
2015: E’ più una pizzeria che un pub. Non ci vado più da una vita e non saprei dare un giudizio.

2002:[##½] Molto
in periferia, arredato come una nave o un porto (il che si poteva intuire dal nome), offre cibo e birra. Il servizio è un po’ lento. Si curamente da prendere in considerazione per chi abita nella zona, un viaggio troppo lungo per chi invece abita dall’altro lato della città.

Braumeister

Via Madonna della Tosse 12r
2015: Il locale è sempre pieno e resta una delle poche possibilità di gustare una birra tedesca a Firenze. Ha ampliato l’offerta affiancando alle tradizionali tedesche molte birre artigianali.
2010: Vi ho cenato di nuovo e mi son reso conto che la cucina non è così bavarese. Però la birra è servita con perizia e mantiene quel suo carattere tedesco che lo differenzia dagli omologati pub inglesi del centro.
2006: Un’ottima cena a base di stinco conferma che questo locale è un angolo di baviera a Firenze. Soprattutto nei momenti in cui non è  troppo affollato.
2003: Finalmente un pub tedesco anche a Firenze. Si possono  scegliere diverse varietà di birre tedesche (targate Löwenbräu), ma anche mangiare una pizza (che c’entra la pizza con la Germania??). L’ambientazione in stile cantina è accogliente, peccato che gli abbiano fatto chiudere il soppalco perché il locale è sempre pienissimo e un po’ di posto in più non avrebbe guastato.

Brew Dog fullfullfullfull

Via Faenza 21R
2015: Ha aperto a Firenze una succursale della nota birreria scozzese. Piena di birre buonissime e luppolatissime, tutte artigianali. In una delle nostre serate abbiamo apprezzato al piano di sopra c’è una barista mozzafiato, a quello di sotto musica dal vivo. Che cosa chiedere di più?

Dublin

Via Faenza 27/r
2015: Non ci vado da una vita quindi resta in attesa di giudizio. Adesso non è solo Guinness, ma Grimbergen e Poretti alla spina sono una alternativa.
2002: [##½]
Infine anche questo locale ha avuto l’onore della nostra presenza. Non molto grande, offre birre suggerite dal nome del locale: Guinness e company. Ma se volete prendervi una birra prima di andare al Maracanà…

Friend’s

Borgo S.Jacopo 51 rosso
2015: Il locale offre birre doppio malto e partite di calcio alla pay-per-view. Pizze panini per gli affamati.
2003: Aperto alla fine del 2002 questa birreria ha il pregio di essere situata in una zona avara di pub. L’ambiente è carino e abbina ottimi panini a birra irlandese. Ma l’aria all’interno è irrespirabile forse anche a causa della strana morfologia del locale, ricavato da due stanzette e un corridoio lungo lungo.

HOP Black Molly sss

Viale Spartaco Lavagnini
2015: Il posto è ancora lì con un nome diverso, ma si può gustare ancora l’Augustiner. Disponibilità di birre di tutto rispetto e frentato da giovanissimi (col casco al seguito…).
2008: Non so perché qualche anno fa questo posto mi ispirasse di più. La locazione, un po’ fuori dai giri del centro storico, lo rende “sonnolento”! (##½)
2006: La legge sul fumo nei locali è stato un toccasana, adesso l’aria è buona. Birra tedesca targata Augustiner, ne fanno una perla. Inoltre ampia scelta di birre in bottiglia provenienti dal Belgio (birre di stegione) e qualche birra scozzese. Il servizio è un po’ naif.(###½)
2003: Quella del 2003 toglie tutta una pinta: panini microscopici e cari.(##½)
2002: La revisione del 2002 gli assegna un ulteriore mezza pinta. (###½)
2000: Subito fuori dal centro, ben arredato e non troppo affollato. Appare veramente elegante e così sembra essere la gente che lo frequenta. Promosso a pieni voti! (###)

Il Bovaro

Via Pisana (Porta S. Frediano)
2015: Le birre continuano a non convincermi, ma resta il pioniore della birra artigianale a Firenze.
2008: Volendo lodare l’iziativa di un pub con la propria birra artigianale, devo però confessare che le loro birre non mi piacciono più di tanto. Ma è una questone di gusti, credo.
2006: Il locale resiste ed è sempre pieno. Significa che c’è qualità
2002: Lodevole l’iniziativa di aprire una birreria a produzione propria. Le birre sono buone (almeno ci sembra…), forse manca una doppio malto dal sapore più robusto. Nel locale si possono mangiare anche buone focacce e altro.

James Joyce

Piazza Francesco Ferrucci
2015: Gli anni passano, ma la gioventù casco-munita contina afrequestare il pub. Recentemente è stato rinnovato il parco birre conuna certa disponibilità  di birre artigianali dal mondo (molte inbottiglia). Anche la spina offre una maggiore varietà. YES
2010: E’ sempre il più pieno, anche con il gelo e la pioggia iclienti non disdegnano il cortile esterno o la veranda. Il prezzo dellebirre ha fatto un salto e adesso i prezzi non sono più sotto la media,anzi una pinta di doppio malto costa più di 5 euro. Da deprecare anchel’ampio uso di bicchieri in plastica, soprattutto nei week-end.
2006: E’ sempre il più pieno, anche con il gelo e la pioggia iclienti non disdegnano il cortile esterno. Resta uno dei pochi aoffrire una pinta a 4,50 €. Rilassante l’aperitivi della domenicapomeriggio in un Joyce quasi deserto, in attesa della calca serale.
2002: Ha perso un po’ di quell’aria shick, ed anzi a volte èeccessivamente affollato! Si confermano le quattro pinte.
2000: Situato un po’ fuori dal centro storico, offre un cortileall’aperto che lo rende interessante nelle caldi notti d’estate.L’interno è invece piccolissimo. La birra è ottima (Bull Dog inprimis), le cameriere affabili, ma a volte la clientela è un po’ tropposignorile.

Kikuya 

Via dei Benci 43r
2015: Resiste inossidabile con le sue birre strong spaccabudella. Punto di ritrovo prediletto delle nidiate di americani/e, ilcalore ella sua accoglienza fa perdonare il bagno indecente. E lafiglia non è la figlia, bensì la nipote!
2010: [####] Gli anni passano e questo è uno dei pochissimi pubdiFirenze che non cambia il suo volto, anzi migliora con il tempo. Lesolite ragazze al bancone (più la figlia) e una birra che è unacannonata! Il migliore nel centro storico? Per me sì! [####]
2006:
Grazie a Sirchia siamo potuti tornare in questo locale cheperò non ha più l’appeal di una volta.(##½)
2002: L’happy-hour non è più così invitante e l’aria all’internodel locale è sempre più irrespirabile. MANCA L’AREAZIONE, e ciò gli faperdere mezza pinta!
2000:Si trova nella zona “calda” di Firenze Via dei Benci: inpoche centinaia di metri 6-7 pub fra i migliori di Firenze. L’ambienteche ospita il Kikuja è piccolissimo (al massimo potra ospitare 50persone, ma non credo…), ma se vuoi gustare una extra-strong ti deviadattare. L’ Happy-Hour dura fino alle 22:00, un’occasione per gustarsila Dragoon (10% vol) a 5000 lire.

Jazz Club fullfullfull

Via Nuova de’ Caccini 3
2015: Questo locale che rientra nella categoria dei disco-pub è una nostra vecchissima conosenza. Ci sono tornato a più di 10 anni dall’ultima visita e devo dire che ha mantenut inalterato il suo fascino. Richiede una tessera per entrare (nel costo è vcompresa la consumazione) ed è frequentato da universitari. Birre: Tennent’s Extra e Carlsberg e Grimbergen.

La Guerrina

Viale Malta
2015: Locale in periferia dove bere la Menabrea alla spina oltrealle solite birre britanniche.
2008:.Confermo il giudizio di 2 anni fa.
2006: Alla fine abbiamo rivalutato questa benedettaposizione e abbiamo concesso la mezza pinta. Del resto in periferia nonè facile trovare un buon pub.
2002:
Carino e ben arredato, questo Irish ci ha ben impressionato.Ci ripromettiamo di rivalutare la sua posizione per dargli una mezzapinta in più. (##½)

LaRotonda bb

Via il Prato
2015: Come pub non è molto molto frequentato e anche il sabato sera lo trovi un po’ vuoto. Meglio la pizzeria dove puoi farti sfondare le orecchie dal piano bar più karaoke.
2009: [###½] Confermo il giudizio del 2006. la mezza pinta in più, e per la qualità  della pizzeria più che per il pub.
2006: In basso un’atmosfera da pub con bancone equalche tabvolo. Al primo piano e nel soppalco una pizzeria pub in un ambiente un po’ più riservsato. Adesso sono saliti anche loro a 4,50€ per la pinta ma resta un prezzo concorrenziale considerando che fanno servizio al tavolo.
2003: A più di un anno dall’introduzione dell’euro il prezzo della birra è ancora 4,13 € (8000 lire). Una rarità che accresce il valore del locale
2002: Resta nella media questo locale. Si segnala il piano superiore con pizzeria e musica dal vivo.
2000: E’ appena nato, ma subito ha riscosso un grande successo grazie alla generose dimensioni degli ambienti. Veramente impressionante le varietà di birra alla spina disponibili ad un prezzo allettante. Ma il locale manca di personalità, è già soffre di problemi di affollamento, non essendosi indirizzato verso una clientela ben precisa. Mi riservo di rigiudicarlo tra qualche mese…

Mostodolce bbb

Via Nazionale
2015: Locale che ha aperto ormai da qualche anno, ma da noi sempre snobbato. E invece offre la propria birra artigianale (è un birrificio pratese) con possibilità di mangiare una pizza (cotta a legna mi pare) e qualche primo. Frequestazione universitaria mi pare, direi un rifugio sicuro per una birra fuori dal giro dei turisti sranieri.

Off the Hook b

Via Verdi
2015: Questa birreria ha aperto da poco e offre birre artigianali sia alla spina che in bottiglia. Ti accoglie il grande bancone centrale a ferro di cavallo e sul dietro ci sono altre stanze. In estate era piacevole, da verificare anche in inverno per un giudizio defininito..

Old Stove Duomo JJ Cathedral bb

Piazza Duomo
2015: Cambia ancora il nome (era entrato nella famiglia degli “OldStove”), e il prezzo della birra torna a un prezzo decente. Non so seil terrazzino ha un extra-charge.
2009:
Questo posto (che un tempo si chiamava Butterfly)potrebbe meritarsi 3 pinte e il terrazino magari un’altra mezza.Stretto e lungo infatti, si segnala per la ottima collocazione e per unbalcone al primo piano con vista sul Battistero. Ma i prezzi dellabirra sono fuori da qualunque logica (almeno per me): 8 € peruna pinta, 20 € per un’ora la balconcino. Hotel di lusso opub? Scegliete voi…

Old Stove Signoria Michael Collins Irish Pub

Piazza della Signoria 30r
2015: Il locale ha cambiato nome, ma resta frequentato da americani alla ricerca del karaoke. In realtà non mancano neanche le frequentazioni itliane e tra le birre è disponibile anche qualcosa di tedesco non troppo commerciale.
2009: Questo pub ha aperto dopo gli altri, ma non è male. Si sviluppa quasi tutto nel sottosuolo, con frequestazione abbastanza variegata, turisti stranieri, ma anche fiorentini. C’è il karaoke.

Public House 

Via Palazzuolo
2015: Birre artigianali buone senza molta rotazione nell’offerta. Tanti stranieri giovani, Direi piacevle. .
2009:[###]Questopub ha aperto dopo gli altri, ma non èmale. Si sviluppa quasi tutto nel sottosuolo, con frequestazioneabbastanza variegata, turisti stranieri, ma anche fiorentini. C’è ilkaraoke.: [###] Avevodimenticatoquesto piccolo pub, ma una voltatornatoci, non ho potuto fare a meno di apprezzare la tranquillità e laqualità delle birre (fra cui la Trappe). Resrituisce quella serenitàche un tempo sapeva dare solamente il Robin Hood è che oggi sembravascomparsa.

RedCarter

Via dei Benci
2015: Che dire di questo posto che restiste ormai da più di una vita. Paradiso delle americane, karaoke a gogò e Paolino sempre sulla cresta dell’onda come intratenitore. L’intramontabilità gli garantisce una mezza pinta in più rispetto alla precedente valutazione.
2009: [###] Locale esclusivamente riservato a giovani(ssimi) turisti stranieri. Non cambia mai e anche Paolino è sempe lì a cantare le canzoni degli Oasis… 2002: Forse è l’unico locale che negli anni non cambia mai. Anche se ultimamente non si vede più Paolino che suona…
2000: Il Red è il più antico English-pub di Firenze. Mantiene inalterato il suo fascino negli anni e non si è fatto sopraffare dagli ultimi arrivati, come dimostrano i prezzi non proprio modici. La musica dal vivo (anche se sempre del solito chitarrista) è la sua particolarità, oltre che i Pitches (da 2 litri) di Diamond (la Triple Diamond è una bomba). Pieno di stranieri/e, ma poco areato…si potrebbe morire soffocati!

The Gate

Borgo San Frediano
2015: Ha qualche birra un po’ particolare, ma il sabato sera è un locale troppo vuoto! Eppure sarebbe grande e avrebbe delle potenzialità.
2006: Giudizio del 2003 superconfermato. Del resto la tranquillità ha un prezzo!
2003: Questo Irish in San Frediano è poco frequenatato. Si possono bere le birre targate Guinness (Guinness, Harp e Kilkenny), ma non offre molto altro. Troppo caro per essere oltrarno.

The Lion’s Fountain

Borgodegli Albizi
2015
: Nei grandi schemi si possonovedere e partite della payperview, gli americani vi gozzovigliano, laguinness si lascia bere. Con Piazza San Pier Maggiore che è quasidivenuta il salotto bene di Firenze questo posto si rivaluta.
2010: Si conferma il giudizio del 2006..
2006: Fedele nel tempo, e cosìsi merita un’altra mezza pinta.
2002: Ok così! (###)
2000: Irish-pub situato nella zona calda, è il migliorposto dove bere birra irlandese (Guinness, Harp e Kilkenny). Sempre benfrequentato, non risente della zona malfamata dove è ubicato (vicinoalla Volta di San Pierino). Ha il difetto degli altri Irish, ovverooffre solo birra dell’isola, ma si possono vedere le partite di calciodella pay-per-view.

TheOld Stove

ViaPellicceria 2/r
2010: Il pub mantinenegli anni la sua clientela, lontano dalle orde di stranieri.Si puòbere la birra e mangiare un panino.
2010:Si conferma il giudizio del2006.
2006: Glia altri continuano apeggiorare e quindi lui che resiste guadagna punti.
2002: Considerando il calo di altrilocali, lo rivalutiamo dimezza pinta. (##½)
2000: Storico Irish dietroPiazza della Repubblica, offre postiall’aperto (per la verità ben pochi). Dentro è un buco, perciò siadatta al “prendi una birra in un bicchiere di plastica e portatelavia”, oppure ti devi sedere sul marciapiede lì vicino. Solo gli amantidella Guinness possono fare questo sacrificio. (##)

TartanJock – Scottish Pub

Corsodei Tintori 41/r
2015: Si segnala perché ha una clientelaquasi esclusivamente italiana, e una varietà di birre abbastanzaeterogenea: Carsberg, New Castle, McEwans, Guinness,Grimbergen,Bulldog, Slalom. Ha il grande schermo per godere con gli amici lepartite della squadra del cuore.
2010: Le birre offerte (5 € per una pinta) cambiano spesso dimarca e tipologia. Ma anche questo locale resiste nel tempo come pochialtri e merita e continua a meritare i giudizi positivi degli annipassati!
2002: I prezzi delle birre,9000 lire sono divenuti 4,50 Euro,sono in linea con gli altri locali. A volte il pub è pienissimo, altrequasi vuoto. Forse non merita le 4 pinte.
2000: Ultimo arrivato nel panorama fiorentino, simerita 10 e Lode per l’arredamento! E’ il primo vero Scottish-pub, conbirre da Glasgow e Newcastle (ottima la Slalom). A volte è possibileprendere la Thickstone (birra spillata con pompa manuale), per veriintenditori. Purtroppo il locale è un po’ caro con birre che costano inmedia 1000 lire in più di altri pubs.

TheJoshua Tree

Via Magliabechi 7-9-11/r
2015:Questo posto ha rinnovato il parco birre ed è al momento assolutamenteil più fornito di Firenze. Ha le migliori birre, non so perché non gliconceda il punteggio pieno, ovvero 5 pinte. Il sabato offre spessomusica dal vivo di qualità.
2010: [####] Si conferma il giudizio del 2006
2006: Happy hour la domenica pomeriggio,paninigustose e birra buona. Che cosa sì può desiderare di più? Altra pintaper loro!
2002: Sempre strapieno, ma preferiamo il Chequers. (###)
2000: Questa grande birreria è aperta da un annetto;sempre stracolma soffre degli stessi problemi de “La Rotonda”: ha pocapersonalità. L’arredamento è azzeccato, la birra anche, ma è un localetroppo alla moda. Da visitare durante la settimana, quando non c’èl’assalto del grande pubblico che non sa apprezzare veramente la birra!

The William

Via Magliabechi 7-9-11/r
2015:Questo posto ha rinnovato il parco birre ed è al momento tra i più fornitidi Firenze. Ha le migliori birre, non so perché non gliconceda il punteggio pieno, ovvero 5 pinte. Il sabato offre spessomusica dal vivo (anche di qualità).
2010: [####] Si conferma il giudizio del 2006.
2006: Happy hour la domenica pomeriggio,paninigustose e birra buona. Che cosa sì può desiderare di più? Altra pintaper loro!
2002: Sempre strapieno, ma preferiamo il Chequers. (###)
2000: Questa grande birreria è aperta da un annetto;sempre stracolma soffre degli stessi problemi de “La Rotonda”: ha pocapersonalità. L’arredamento è azzeccato, la birra anche, ma è un localetroppo alla moda. Da visitare durante la settimana, quando non c’èl’assalto del grande pubblico che non sa apprezzare veramente la birra!

Trip Per Tre

Borgo Ognissanti
2015 : Almeno 5 anni di non frequentazione ci impediscono di giudicare
2002 : Ok così!
2000: E’ un Irish “nella media”, frequentato dapersone di diversi ambienti sociali. Ci bevono birra Harleydavidsonisti(c’è una specie di fans-club) e giaccaecravattai. Chiunque vi sitroverà a suo agio a patto di trovare un posto a sedere, visto che èpiccolo-piccolo.

Amadeus Bar 

Via de’ Pescioni
2007: [##½] una rara puntata in questo locale mi fanotareche il locale seminterrato è un vero e proprio pub. Mi è parso piùtranquillo e “inglese”. Non cambia il giudizio finale.
2002: Un bar, un pub, un american bar o un tabaccaio? Difficileinquadrare questo locale pienissimo di stranieri che offre boccali daun litro di birra tedesca, cocktails e long-drinks. L’atmosfera e davacanza in qualche località balneare del Mediterraneo (ovvero alcolica).

Be Bop

Via de’ Servi, 76/r
2015: Aveva chiuso, ha riaperto. Ci manca un giudizio sulla nuova gestione.

2009: Ci erava scordati di inserire questo pub con musica dal vivo nella lista. Non male, merita tre pinte, ma purtroppo con l’estate arriva la chiusura di questo locale. Cee cosa ci faranno al suo posto? [###]

Cluricane Irish pub 

Piazza Dell’Olio 9 r
2003: [##] Minuscolo pub perprendere una birra al volo in zonaDuomo. Indicato solamente d’estate perché dentro è veramente unfrancobollo.

Dolly Pub 

Via S. Stefano in Pane9/r
2010:
[##] Ha cambiato posizione, da viaS.Stefano in Pane a vialeMorgagni. Da verificare areazione e birre, prima di dare un nuovogiudizio.
2008: Piccolo era, e mantiene una peculiarità : l’unicoposto dove si entra prima nella sala fumatori per poi arrivare a quellanon funmatori…
2000: Si segnala per l’ottima birra (Bull Dog e altre) e unagrande varietà di panini, veramente per ogni gusto. Ha però losvantaggio di essere piccolo e diviso in tre salette. Inoltre l’ariaall’interno è irrespirabile, dopo pochi minuti gli occhi bruciano e ipolmoni boccheggiano (è sempre così ve l’assicuro!). Andateci quandocominceranno ad usare un condizionatore o apriranno le finestre.

John Martin’s Tavern

Viale Guidoni
2001: [###] E’ passato un po’ ditempo e il locale non è più cosìpulito. Provate ad andarci lunedì sera… Durantte la settimana a volteospita anche spettacoli di cabaret e spogliarelli.
2000: Immaginate un vecchio pub giùal porto, frequentato damarinai e ubriaconi (come il Galeone nel porto di Viareggio nel celebrefilm di Bud Spencer, “Lo chiamavano Bulldozer”). Questo è lo stile chei proprietari avrebbero voluto dare al loro locale (almeno credo).Nuovo, tutto rivestito in legno (sia all’interno che all’esterno),arredamento marinaresco, è però troppo “pulito”; ha bisogno diinvecchiare, come il whiskey. Da prova anche e soprattutto per la birrache offre, tutta targata “John Martin”, una vera rarità a Firenze!

Loonees

Piazza deiDavanzati
2009: [####] Con il passare deglianni ci siamo affezionati aquesto locale che conquista un’altra pinta. Era ilmigliore posto dovebere birra ascoltando musica, ma poi a fine 2009 la mazzata: il localeha chiuso. Un altro pezzo che se ne va… 🙁
2006: Musica dal vivo e birrascozzese; un buonconnubio. E’ cambiata la birra e parrebbe anche il proprietario, ma illocale resta piacevole. Il miglior posto dove bere la Tennent’s ScotchAle, qui spillata alla grande! (###)
2000: Musica dal vivo e birrairlandese; un buonconnubio. Si possono bere anche cocktails, oltre alla Carling e laStones (che non sempre si trovano nei pub italiani).

LoStregatto

Via il Prato44/r
2000: [##] Non è un vero e propriopub, ma l’ho nominatoperché offre vari tipi di birra e se siete andati a “La Rotonda” e nonavete trovato posto, questo localino che è subito di fronte vi puòrisolvere la serata. Il servizio è lentissimo…

RobinHood

Via dell’Oriuolo 58/r
2009:Adesso è un ristorante, quindiesce dalla classifica!
2006: Di trasformazione intrasformazione è diventato una sortadi disco-pub per turisti americani. Lo spirito del locale è starvolto eil morale di noi avventori fiaccato! (##½)
2002: Grandi cambiamenti per questoenglish che si statrasformando in un american bar. Cocktails e long-drinks si sonoaffiancati alla Tennent’s. A noi piaceva più prima e gli togliamo unapinta e mezza. (####½)
2000: L’English-pub con la “Emaiuscola”. Arredamento spartano,che sa di vecchio ma affascinante, camerieri/e alglosassoni e ottimabirra (anche qui la Tennent’s) sono gli ingredienti di un successo chedura da anni. Non è troppo frequenato (si va a serate: certe voltepieno, altre vuoto) èl’ideale per bersi una birra in santa pace. In piùle partite di calcio di “Stream” e “Tele+” gratis. (#####)

The Chequers

Via della Scala 7-9/r
2007: Non c’è più ed esce diclassifica..

2002: Ancora il migliore, ma aFirenze di 5 stelle non senetrovano più, e anche il Chequers perde mezza pinta.(####½)
2000:Il miglioreEnglish-Pub di Firenze, a miogiudizio. Birra scozzese (la Tennent’s), ma anche Weisse eStraropramen. Posti in piedi e a sedere, servizio al tavolo e gentegiovane. A volte un po’ troppo affollato, ma lo stile English èveramente impeccabile.(#####)

The Fish 

Piazza del MercatoCentrale 44r
2003:
[####½] Ha conquistato il mio cuorecon una sala per non fumatori e la Tennent’s. Ha il grande schermo per le partite di calcio e il biliardo. Che cosa si può volere di più? Solo il cibo lascia un po’ a desiderare…

Transilvania

Via del Citod’Altafronte 14
2006: Non c’è più, adesso è unlocale sciccoso
2000:  [###] “Filiale” fiorentina di unacatena di locali intutta Italia, non è un vero e proprio pub. E’ arredato come fossimonell’oltretomba, con scheletri e bare, offre un ambiente kitsch, mapermette di gustare birra tedesca, cosa rara a Firenze. Spesso bisognaattendere troppo per trovare un posto, ma poi c’è il servizio al tavolo ed è anche pizzeria!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *