30 Maggio – 2 Giugno 2003

E’ il 28 maggio e sfruttando il ponte della Festa della Repubblica partiamo alla volta di Amsterdam, la città delle biciclette e degli innamorati. Partiamo prestissimo e alle 11.00 siamo già a giro tra i suoi mille canali.
Viviamo la prima parte della giornata senza i nostri amici di “BASIC AIR” che ci raggiungono solo nel pomeriggio. Assistiti da un sole inusuale per quelle latitudini ci immergiamo nel fascino delle case strette-strette e lunghe-lunghe che caratterizzano la città dei fiori.
Finalmente la sera la comitiva è tutta riunita e attorno a un tavolo si gusta una bella cena argentina. Sì proprio argentina perché Amsterdam è rinomata per la cucina straniera. Qui si può assaggiare il miglior cibo cinese d’Europa. Vengono da tutto il mondo solo per assaggiare il cinese…
Dopo la cena tutti al pub o come li chiamano qui Coffee-Shop. Vabbè, stendiamo un velo pietoso e passiamo alla prossima giornata…
…che inizia con la visita al museo della birra, nella antica fabbrica della Heineken. Favoloso, meglio di Van Gogh! Una Gardaland o Disneyland della birra con tre bevute gratuite…
… che ci offrono nei vari pub del museo. E noi non possiamo dire di no, brindiamo alla vostra salute!
Abbiamo anche un eccezionale ricordo filmato di quei magici momenti, una cartolina virtuale spedita direttamente dalla fabbrica della Heineken. Clicca sull’immagine a fianco per vedere l’intero video.
Poi ancora a girare per la città, fra i canali, e nel pomeriggio visita al Museo di Van Gogh (non documentato).La sera di nuovo bisboccia con cena a base di cucina australiana e altre nefandezze varie. Sotto sulla sinistra ci potete vedere in una imitazione, quanto mai realistica del leone.
Il girono seguente la cominita si divide e mentre una parte si arrischia al Risk Museum (pregevole l’allitterazione), l’altra studia da ammiraglio alla “Reale Scuola Navale”. Prove di impiccagione, di Titanic e d’arrembaggio.
E infine l’immancabile gita in battello da cui si ammirano ancor meglio le caratteristiche case lungo i canali, che pendono (Amsterdam poggia su fondamenta di pali come Venezia) e che addossate le une alle altre si sostengono a vicenda.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *